Cos'è una scansione MRI?

MRI sta per risonanza magnetica. È uno strumento diagnostico indolore e sicuro che utilizza onde radio e campi magnetici per produrre immagini dettagliate di strutture e organi all'interno del corpo. La tecnologia è diversa dalla tomografia computerizzata (TC) perché non utilizza radiazioni.

Le immagini MRI vengono prodotte quando gli atomi di idrogeno all'interno del corpo entrano in contatto con un campo magnetico e onde radio sintonizzate. Una potente antenna rileva la reazione degli atomi di idrogeno e invia segnali a un computer che converte i dati in immagini ad alta risoluzione del corpo.

I medici utilizzano la risonanza magnetica per visualizzare diverse anomalie all'interno del corpo umano, come problemi alla colonna vertebrale, al cervello, al cuore e all'addome. La risonanza magnetica aiuta a diagnosticare problemi con il sistema nervoso, le orecchie e gli occhi. A differenza dell'ecografia, della TC e dei raggi X, la risonanza magnetica fornisce informazioni e immagini più accurate. Continuare a leggere!

Storia della risonanza magnetica (MRI)

Prima dello sviluppo della risonanza magnetica, gli scienziati hanno studiato la risonanza magnetica all'interno di diverse sostanze chimiche, nota come risonanza magnetica nucleare o NMR. Nel 1945 si scoprì che il nucleo degli atomi risuona in un campo magnetico.

La spettroscopia è lo studio delle proprietà biologiche, fisiche e chimiche della materia. Studia lo spostamento chimico, una variazione nella distribuzione degli elettroni attraverso le sostanze chimiche. La ricerca mostra che la spettroscopia si è successivamente trasformata in risonanza magnetica.

Nel 1969, il dottor Raymond Damadian ha sperimentato sulle cellule tumorali e ha ipotizzato che potessero essere differenziate dalle cellule non cancerose utilizzando la risonanza magnetica. Secondo il dottor Damadian, le cellule tumorali possono trattenere più acqua, il che significa che si manifestano in risonanza magnetica a causa del maggior numero di atomi di idrogeno.

Nel 1971, Paul Lauterbur eseguì un esperimento simile per osservare la differenza tra tessuti cancerosi e non cancerosi. Ha ripreso due provette riempite d'acqua con l'aiuto della risonanza magnetica per produrre la prima immagine RM. Sir Peter Mansfield ha studiato l'anisotropia dello spostamento chimico e ha osservato che un gradiente di campo magnetico aiuta ad analizzare la struttura atomica delle sostanze chimiche.

Tutti e tre gli scienziati hanno compiuto notevoli sforzi per sviluppare tecniche per la produzione di tali immagini. Damadian ha sviluppato uno scanner umano, Lauterbur si è concentrato sul metodo di proiezione utilizzato nella ricostruzione del movimento e il lavoro di Mansfield ha coinvolto la scansione di pezzi di struttura che si combinano per produrre l'immagine. Nel 1974, Mansfield ha prodotto con successo l'immagine di un dito entro 15-20 minuti.

Nel 1977, Damadian creò il primo body scanner e lo chiamò "Indomabile". Le immagini prodotte dallo scanner hanno mostrato più dettagli di quelli prodotti da CAT e raggi X. Nel 1978, Damadian ha fondato "FONAR", una società che avrebbe sviluppato scanner MRI. Nel 1984, la FDA ha approvato il primo scanner MRI per l'uso in ospedali e cliniche.

Come funziona la risonanza magnetica?

La risonanza magnetica è una tecnologia di imaging non invasiva che produce immagini anatomiche 3D. Gli operatori sanitari utilizzano spesso questa tecnologia per la diagnosi, il rilevamento della malattia e il monitoraggio del trattamento. La risonanza magnetica è una potente tecnologia che rileva i cambiamenti nell'asse di rotazione dei protoni presenti nell'acqua.

La risonanza magnetica utilizza un potente campo magnetico che costringe i protoni del corpo a entrare in contatto con il campo. La macchina per la risonanza magnetica pulsa una corrente a radiofrequenza attraverso il corpo del paziente per stimolare i protoni, che si macchiano contro l'attrazione del campo.

I sensori nella macchina rilevano l'energia quando il campo è spento. Di conseguenza, i protoni iniziano a riallinearsi con il campo magnetico. La struttura chimica delle molecole, il tempo, l'ambiente e la quantità di energia rilasciata per determinare il riallineamento dei protoni con il campo magnetico. Sulla base delle proprietà magnetiche, i medici distinguono tra diversi tipi di tessuti.

La procedura prevede di posizionare il corpo del paziente in un grande magnete dove rimane fermo per evitare immagini sfocate. Un medico può somministrare un mezzo di contrasto come il gadolinio al paziente per via endovenosa prima della risonanza magnetica. Lo scopo è accelerare i protoni per farli riallineare con il campo magnetico. Di conseguenza, la macchina produce un'immagine molto più luminosa e chiara.

Preparazione

L'esecuzione di un test MRI non richiede alcuna preparazione speciale. Un paziente deve lasciare a casa oggetti contenenti metallo, come gioielli, occhiali da vista, cinture, ecc. La regola pratica è rimuovere tutti i dispositivi elettronici dalla sala MRI. Sebbene le otturazioni dentali e gli apparecchi ortodontici siano sicuri, possono interferire con alcune scansioni.

Un medico può chiedere ai genitori se il bambino ha delle graffette metalliche da un precedente intervento chirurgico perché può causare problemi a causa di un forte campo magnetico. Il paziente può anche ricevere sedazione se ha difficoltà a rimanere fermo. In una tale situazione, un'infermiera supervisionerà la procedura e si prenderà cura del paziente. Il digiuno può essere necessario se l'esame MRI del paziente è programmato con sedazione.

Procedura

Alcuni esami MRI richiedono che il medico dia contrasto al paziente. È usato per evidenziare alcune aree del corpo come vasi sanguigni e tessuti. Una soluzione di contrasto è indolore e sicura, ma alcuni pazienti possono mostrare reazioni allergiche. Il paziente deve informare il medico se ha avuto problemi durante una precedente procedura di risonanza magnetica.

Se il paziente ha bisogno di un contrasto per l'esame MRI, il medico gli darà un contrasto endovenoso prima di iniziare la procedura. Quando l'esame MRI sta per iniziare, l'operatore sanitario aiuterà il paziente a salire sul lettino. Quindi, farà scorrere il tavolo nell'area circolare dello scanner.

Il medico o il tecnico della risonanza magnetica lascerà la stanza e inizierà a scattare immagini. Anche in questo caso, il paziente deve rimanere fermo nello scanner in modo che la macchina possa produrre immagini accurate e di alta qualità.

Durante l'esame MRI, il paziente sentirà forti suoni dalla macchina dello scanner. Ricorda, questi suoni sono normali e non causano alcun danno al paziente. Se il paziente si sente a disagio, può comunicare con il medico tramite un citofono.

Una volta terminato l'esame, il professionista aiuterà il paziente a scendere dal tavolo. Se il medico ha utilizzato la sedazione, sposterà il paziente nell'area di recupero dove un'infermiera monitorerà gli effetti della sedazione. Successivamente, l'infermiera fornisce al paziente le istruzioni per la dimissione e le informazioni di contatto in caso di emergenza.

Tipi di esami MRI

Gli operatori sanitari utilizzano gli esami MRI per valutare diverse condizioni di salute, come cervello, collo, midollo spinale e altri organi. Può anche essere utilizzato per osservare anomalie in diverse parti del corpo, inclusi vasi sanguigni, articolazioni, cuore, torace e addome.

Risonanza magnetica funzionale

La risonanza magnetica funzionale viene utilizzata per rilevare anomalie nel cervello. Viene anche utilizzato per misurare l'attività cerebrale analizzando i cambiamenti nel flusso sanguigno al sistema nervoso centrale. Il concetto consiste nel rilevare i cambiamenti nel flusso sanguigno e nell'ossigenazione, che si verificano a causa dell'attività neurale.

Quando il tuo cervello consuma più ossigeno, diventa più attivo. Ecco perché c'è un aumento del flusso sanguigno nell'area attiva del cervello. Come altre procedure di risonanza magnetica, una risonanza magnetica funzionale utilizza un dispositivo di grandi dimensioni che contiene un potente magnete e onde radio per visualizzare strutture e organi del corpo. In genere, la procedura richiede meno di 60 minuti per produrre immagini.

Venografia a risonanza magnetica

È una tecnica di imaging non invasiva utilizzata per concentrarsi sulle vene del corpo. Le vene sono responsabili del trasporto di sangue da diversi organi del corpo al cuore. Quando il sangue raggiunge il cuore, viene inviato ai polmoni per l'ossigeno. Allo stesso tempo, riacquista nutrienti vitali.

La venografia a risonanza magnetica o MRV valuta il flusso sanguigno e rileva anomalie come i coaguli di sangue. La procedura può essere utilizzata anche per rilevare anomalie strutturali nelle vene, problemi di flusso sanguigno nel cervello e trombosi venosa.

Allo stesso modo, un professionista della salute utilizza l'MRV per valutare condizioni che possono causare sintomi neurologici gravi come l'idrocefalo da pressione normale, l'ipertensione intracranica e altri.

Risonanza magnetica cardiaca

La risonanza magnetica cardiovascolare utilizza un potente campo magnetico per produrre immagini dettagliate del cuore e delle aree circostanti. Gli operatori sanitari utilizzano la risonanza magnetica cardiaca per monitorare le condizioni di salute associate al cuore.

Viene anche utilizzato per rilevare problemi con la struttura e l'anatomia del cuore. Tieni presente che la procedura non utilizza radiazioni ionizzanti per la formazione delle immagini. La risonanza magnetica cardiaca aiuta a produrre immagini di alta qualità degli organi cardiovascolari.

Scansioni del seno

La risonanza magnetica del seno è un test diagnostico per monitorare l'anatomia del seno e rilevare i tumori. La procedura viene utilizzata per catturare diverse immagini del seno, che vengono combinate ed elaborate tramite un computer per produrre immagini più chiare e di alta qualità.

Sebbene la risonanza magnetica sia più efficace degli ultrasuoni, è una procedura costosa. In genere, un medico decide se eseguire una risonanza magnetica o un'ecografia del seno a seconda delle condizioni e dei sintomi del paziente.

Angiografia a risonanza magnetica

L'angiografia a risonanza magnetica o MRA è uno dei metodi MRI che utilizzano le onde radio e un potente campo magnetico per produrre immagini dei vasi sanguigni. È una procedura efficace in grado di rilevare efficacemente le anomalie all'interno delle strutture interne del corpo.

È un test diagnostico che non utilizza radiazioni, ma il medico può iniettare materiale di contrasto nel corpo del paziente. Molto spesso, il materiale di contrasto utilizzato per questa procedura non causa reazioni allergiche. D'altra parte, il materiale di contrasto utilizzato per la TC può portare a reazioni allergiche. Considera questo, possiamo dire che l'MRA è più sicuro della TC per i pazienti.

Applicazioni o usi della risonanza magnetica

Gli scanner o le macchine per la risonanza magnetica sono utilizzati al meglio per produrre immagini di tessuti molli o parti non ossee del corpo. La RM è diversa dalla TC perché non utilizza raggi X o radiazioni ionizzanti che possono danneggiare i tessuti molli. L'uso della risonanza magnetica è più vantaggioso della TC in termini di immagini di alta qualità.

Gli esami MRI vengono eseguiti per produrre immagini più accurate di diversi organi del corpo, inclusi cervello, midollo spinale, muscoli, legamenti, nervi, tendini, ecc. Inoltre, la risonanza magnetica viene utilizzata per ottenere immagini più chiare di lesioni alla spalla e al ginocchio.

La risonanza magnetica è una procedura efficace che può aiutare il medico a distinguere tra la sostanza grigia e bianca nel cervello. È anche utile per diagnosticare tumori e aneurismi. La risonanza magnetica non utilizza alcun tipo di radiazione.

La maggior parte degli operatori sanitari utilizza questa modalità quando richiedono immagini più frequenti per diagnosi e terapia, in particolare nel cervello. Tuttavia, la risonanza magnetica è più costosa delle scansioni TC e dei raggi X.

Come accennato in precedenza, la risonanza magnetica funzionale o fMRI è una procedura speciale utilizzata per osservare la struttura del cervello. Inoltre, viene utilizzato per determinare le aree attive del cervello che consumano più ossigeno.

L'FMRI è una procedura sofisticata che può aiutare gli operatori sanitari a comprendere l'organizzazione avanzata del cervello e valutare lo stato neurologico del paziente. La ricerca mostra che la risonanza magnetica è una delle procedure più sicure per produrre immagini del corpo umano.

Molto spesso, l'esame non causa alcun dolore e il campo magnetico non porta a danni ai tessuti. Tuttavia, gli operatori sanitari devono seguire le linee guida di sicurezza per eseguire la procedura in modo accurato. Allo stesso modo, un esame MRI è adatto a persone di tutte le età.

Rischi associati agli esami MRI

La ricerca mostra che le macchine MRI non emettono le radiazioni ionizzanti dei raggi X. In generale, la radiazione ionizzante si trova nelle scansioni TC e nelle immagini a raggi X. Tuttavia, la risonanza magnetica utilizza un forte campo magnetico e onde radio per produrre immagini di alta qualità.

Il campo magnetico applica forze potenti su alcuni tipi di oggetti magnetici, inclusi ferri e acciai. La forza magnetica utilizzata nella risonanza magnetica può lanciare una sedia a rotelle attraverso la stanza. Ecco perché i pazienti devono informare il medico di qualsiasi forma di metallo o impianto nel suo corpo prima di sottoporsi a un esame MRI.

Impianti

I pazienti con diversi tipi di impianti, pacemaker, defibrillatori cardioverter, impianti cocleari, pompe per insulina e registratori di loop devono essere sottoposti a un esame MRI. Il forte campo magnetico può causare danni agli organi interni, soprattutto nei pazienti con impianti.

Rumore

Alcuni pazienti sottoposti a esami di risonanza magnetica richiedono una protezione speciale per l'udito. In generale, la macchina per la risonanza magnetica produce rumore o suoni come bip e tintinnio. Se l'intensità di questi suoni è superiore a 120 decibel, il paziente deve indossare dispositivi di protezione per le orecchie. Ricorda, l'elevata intensità del rumore non si verifica in tutti i tipi di esami MRI.

Stimolazione nervosa

Alcuni pazienti possono provare sensazioni di contrazione mentre si sottopongono a un esame MRI. È principalmente dovuto al cambio di campo nella procedura. È necessario un medico o un tecnico per far funzionare la macchina con attenzione o secondo le linee guida.

Agenti di contrasto

Alcuni esami MRI richiedono che il medico inietti agenti di contrasto nel corpo del paziente per ottenere immagini di alta qualità. Tuttavia, i pazienti che soffrono di insufficienza renale e quelli che necessitano di dialisi dovrebbero informare il medico della loro condizione.

Il motivo è che alcuni pazienti con insufficienza renale che si sottopongono a un esame MRI possono sviluppare un disturbo chiamato fibrosi sistemica nefrogenica. I pazienti che ricevono agenti gadolinio sono altamente inclini a questo disturbo.

La ricerca mostra che i pazienti in dialisi non dovrebbero ricevere l'agente gadolinio fino a quando non diventa essenziale. Inoltre, il paziente deve sottoporsi a dialisi il prima possibile dopo l'esame MRI per rimuovere l'agente di contrasto dal corpo.

Gravidanza

Sebbene ci siano poche prove sugli effetti della procedura MRI sul feto, è essenziale evitare le scansioni MRI durante la gravidanza, specialmente all'inizio della gravidanza. È perché gli organi del bambino si formano nel primo trimestre e c'è il rischio che l'agente di contrasto possa entrare nel flusso sanguigno del feto. Quindi, è una decisione saggia evitare le scansioni MRI all'inizio della gravidanza.

Claustrofobia

Le persone con sintomi di claustrofobia non dovrebbero sottoporsi a un esame MRI. Molto spesso, trovano difficile restare fermi sulla macchina. Inoltre, per alcune persone non è facile restare a lungo nella macchina.

Ecco perché gli operatori sanitari dovrebbero garantire di fornire informazioni sufficienti ai pazienti su macchine MRI, sedazione, anestesia e tecniche di visualizzazione. Fornire informazioni e istruzioni al paziente può aiutare psicologicamente e il paziente potrebbe non provare alcun disagio durante la procedura.

Alcuni altri modi per superare i problemi sono guardare un film o ascoltare musica, coprirsi gli occhi o tenere premuto il pulsante di panico. Alcune macchine per la risonanza magnetica sono aperte sui lati, il che consente al paziente di sentirsi a proprio agio.

Il concetto alla base della macchina per risonanza magnetica aperta è quello di aiutare il paziente a sentirsi a proprio agio e facile durante la procedura. Sebbene le macchine MRI aperte siano dotate della tecnologia più recente, potrebbero non produrre immagini di qualità delle strutture interne.

Parole finali

La risonanza magnetica o MRI è una procedura avanzata che utilizza un potente campo magnetico e onde radio per esaminare diversi organi e strutture all'interno del corpo. Le scansioni MRI vengono utilizzate dagli operatori sanitari per diagnosticare un'ampia gamma di condizioni di salute, da legamenti lacerati, tessuti danneggiati e tumori a problemi al cervello e al midollo spinale.

È essenziale sapere che la risonanza magnetica è una procedura indolore e sicura per i pazienti. Tuttavia, alcuni pazienti potrebbero avere difficoltà a tollerare i suoni forti prodotti dalla macchina. Inoltre, i pazienti con impianti non devono sottoporsi a una procedura di risonanza magnetica. Infine, è uno strumento potente che produce immagini di alta qualità e accurate rispetto a molti altri metodi di radiologia.

it_ITItalian